Obbligo Green Pass nei luoghi di lavoro. Cosa cambia dal 15 ottobre 2021

Obbligo Green Pass nei luoghi di lavoro. Cosa cambia dal 15 ottobre 2021

Con la pubblicazione in gazzetta ufficiale del Decreto Legge n.127/2021, per accedere ai luoghi di lavoro è necessario che il lavoratore sia in possesso della certificazione verde, rilasciata a seguito di tampone, vaccinazione o guarigione dal COVID 19.


A quali lavoratori si applica la nuova norma?

Il decreto legge 127 specifica che per lavoratore si intenda chiunque presti la propria opera in un luogo di lavoro senza tener conto della tipologia contrattuale. Rientrano nel campo di applicazione dell’obbligo lavoratori del settore privato e del settore pubblico, compreso il personale domestico (colf ecc.). Come lavoratori sono intesi anche gli autonomi (artigiani e commercianti) e i liberi professionisti, nonché personale presente in azienda per motivi formativi come i tirocinanti e praticanti degli studi professionali.

Chi controlla se i lavoratori possiedono il Green Pass?

La norma prevede che il datore di lavoro organizzi i controlli, preferibilmente presso gli accessi al luogo di lavoro, direttamente o a mezzo di proprio personale appositamente delegato, tramite l’utilizzo dell’applicazione ministeriale .

Cosa succede al lavoratore sprovvisto del certificato?




All’atto del controllo da parte del datore di lavoro, il lavoratore che risulti sprovvisto del Green Pass è sospeso dal lavoro e dalla retribuzione finché non presenti detta certificazione. Il lavoratore che acceda a luoghi di lavoro in violazione di tali obblighi potrà subire una sanzione pecuniaria da € 600 ad € 1.500.

Da quando si applicano queste nuove norme?

Il decreto entrerà in vigore dal prossimo 15/10/2021 e sarà in vigore fino al 31/12/2021, salvo il governo non ne disponga la proroga.

Il datore di lavoro che non organizza i controlli cosa rischia?

Nel caso di inadempienza da parte del datore di lavoro dei suoi doveri di controllo potrà essere sanzionato amministrativamente con un ammenda da € 400 ad € 1.000


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *